Menu Chiudi

Efficienza energetica immobili: le implicazioni per il settore immobiliare della direttiva Case Green

Efficienza energetica immobili: certificazione energetica

Nel contesto delle politiche europee per la sostenibilità e l’efficienza energetica degli immobili, la nuova Direttiva Europea sulle Case Green rappresenta una svolta significativa (abbiamo affrontato l’argomento l’anno scorso nella guida alla direttiva Case Green).

Questo articolo, rivolto a chiunque sia interessato alle normative sull’efficienza energetica, esplorerà i cambiamenti apportati dalla direttiva, le nuove disposizioni relative all’Attestato di Prestazione Energetica (APE), e fornirà una sintesi completa della normativa.

Efficienza Energetica degli Immobili: Una Panoramica sulla Direttiva Europea Case Green

La nuova Direttiva Europea Case Green, formalmente conosciuta come Direttiva (UE) 2023/2135, mira a ridurre le emissioni di CO2 e migliorare l’efficienza energetica degli immobili nell’Unione Europea.
Questa normativa fa parte del pacchetto “Fit for 55”, che mira a ridurre le emissioni di gas serra del 55% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990.

La direttiva impone l’obbligo di ristrutturare tutti gli edifici residenziali. Entro il 2030, devono raggiungere almeno la classe energetica E. Entro il 2033, devono salire almeno alla classe D. Questo richiede un impegno significativo per ristrutturare e adeguare gli immobili esistenti. Tutti i nuovi edifici costruiti a partire dal 2028 devono essere a emissioni zero. Per gli edifici pubblici, la scadenza è anticipata al 2026.

La direttiva prevede misure di supporto finanziario e incentivi per agevolare la transizione verso edifici più efficienti dal punto di vista energetico. Queste misure includono finanziamenti, agevolazioni fiscali e programmi di sostegno tecnico. Gli Stati membri devono monitorare i progressi e presentare rapporti periodici alla Commissione Europea. I rapporti devono dettagliare le misure adottate e i risultati ottenuti.

Attestato di Prestazione Energetica (APE): Nuove Disposizioni

Cos’è l’APE?

L’Attestato di Prestazione Energetica (APE) è essenziale per valutare e comunicare l’efficienza energetica degli edifici. Con la nuova direttiva, l’APE assume un ruolo ancora più centrale e subisce importanti modifiche.
La scala di classificazione energetica viene rivista per essere più rigorosa e allineata agli obiettivi di sostenibilità. Le classi energetiche verranno aggiornate per riflettere i nuovi standard, rendendo più stringenti i requisiti per le classi superiori.

Gli APE devono essere più dettagliati e comprensibili, includendo informazioni specifiche su consumi energetici, emissioni di CO2 e suggerimenti per migliorare l’efficienza energetica. Gli attestati devono essere facilmente accessibili e consultabili dai cittadini. L’APE è obbligatorio in vari contesti, come la compravendita e l’affitto di immobili, le richieste di agevolazioni fiscali per interventi di riqualificazione energetica e la realizzazione di nuovi edifici.
La nuova direttiva estende l’obbligo di APE anche alle ristrutturazioni significative per monitorare e certificare l’efficienza energetica post-intervento.

Gli esperti abilitati al rilascio degli APE degli immobili devono seguire percorsi formativi aggiornati e certificati per garantire competenze adeguate e conformità agli standard europei.

Certificazione energetica degli immobili: Cosa cambia

La nuova direttiva introduce numerose differenze rispetto alla normativa precedente, stabilendo standard più elevati e obiettivi più ambiziosi per la transizione energetica.

  1. Obiettivi più ambiziosi: La precedente direttiva del 2010 (Direttiva 2010/31/UE) aveva già posto l’accento sull’efficienza energetica, ma la nuova normativa alza l’asticella con obiettivi di riduzione delle emissioni e miglioramento delle prestazioni energetiche molto più stringenti.
  2. Maggiore enfasi sulla ristrutturazione: Mentre la direttiva del 2010 si concentrava principalmente sui nuovi edifici, la nuova direttiva pone un forte accento sulla necessità di ristrutturare gli edifici esistenti per migliorare l’efficienza energetica e ridurre le emissioni di CO2.
  3. Integrazione di energie rinnovabili: La nuova direttiva promuove in modo più deciso l’integrazione delle energie rinnovabili negli edifici, sia attraverso incentivi che mediante requisiti obbligatori per i nuovi edifici e per le ristrutturazioni significative.
  4. Supporto finanziario e incentivi: A differenza della normativa precedente, la nuova direttiva prevede un quadro più robusto di supporto finanziario e incentivi per facilitare l’adeguamento degli edifici agli standard energetici. Questo include non solo agevolazioni fiscali ma anche programmi di finanziamento dedicati.

Implicazioni per il Settore Immobiliare

Le modifiche introdotte dalla nuova Direttiva Europea Case Green e le nuove disposizioni relative all’APE hanno implicazioni significative per il settore immobiliare. Gli agenti immobiliari, i costruttori e i proprietari di immobili devono essere preparati a fronteggiare queste nuove sfide e a cogliere le opportunità offerte.

  1. Rivalutazione degli immobili: Gli immobili con una buona classificazione energetica diventeranno sempre più appetibili sul mercato, aumentando il loro valore e la loro attrattiva per gli acquirenti consapevoli dell’importanza dell’efficienza energetica.
  2. Adeguamento normativo: Le agenzie immobiliari dovranno assicurarsi che tutti gli immobili in vendita o in affitto siano dotati di un APE conforme ai nuovi standard. Questo richiederà una stretta collaborazione con esperti certificati e un’attenzione particolare alla conformità normativa.
  3. Consulenza e servizi aggiuntivi: Offrire servizi di consulenza in materia di efficienza energetica e supporto nella ristrutturazione degli edifici può diventare un valore aggiunto significativo per le agenzie immobiliari, posizionandole come partner strategici per i clienti che desiderano migliorare la performance energetica dei loro immobili.
  4. Accesso agli incentivi: Conoscere e sfruttare al meglio i programmi di incentivi e supporto finanziario disponibili sarà cruciale. Le agenzie immobiliari possono assistere i propri clienti nel navigare tra le diverse opzioni e beneficiare delle agevolazioni previste dalla nuova direttiva.

Si può ritenere che la nuova Direttiva Europea Case Green e le modifiche all’Attestato di Prestazione Energetica rappresentano un passo avanti decisivo verso un’edilizia più sostenibile e efficiente dal punto di vista energetico.

Per il settore immobiliare, questi cambiamenti offrono sia sfide che opportunità, rendendo fondamentale l’aggiornamento professionale e l’adozione di strategie mirate per garantire la conformità normativa e soddisfare le nuove esigenze del mercato.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Consulta sempre il nostro blog sulle notizie immobiliari.

Questo articolo è di natura generica e viene fornito a solo titolo informativo; non intende sostituirsi a pareri professionali. Per consulenze personalizzate e dettagliate, si consiglia di rivolgersi a esperti qualificati nel settore

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti. Leggi: Informativa estesa cookie e Informativa Privacy

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità dei contenuti utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disattivati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, si prega di abilitare i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.